Skip to Header Skip to Content Skip to Footer

Fondazione Ivan Bruschi

FONDAZIONE IVAN BRUSCHI
Quando

Dal mercoledì alla domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 14:00 alle 18:00

,

La Fondazione Ivan Bruschi, recentemente entrata a far parte del patrimonio di Intesa Sanpaolo, custodisce l’eclettica collezione di opere d’arte, arredi e oggetti di antiquariato dell’illustre aretino ideatore della Fiera Antiquaria.

Situata nel cuore del centro storico di Arezzo, la Casa Museo Ivan Bruschi, “luogo delle meraviglie”, ha sede nel trecentesco Palazzo del Capitano del Popolo. Nelle sedici sale che si susseguono nei tre piani del palazzo sono ospitati oltre ottomila pezzi provenienti da tutte le parti del mondo, dall’età preistorica alle prime decadi del XX secolo, spaziando tra reperti archeologici Etruschi, Greci e Romani fino a dipinti, mobili, ceramiche, monete, armi, libri, sculture e gioielli.

La Fondazione Bruschi propone con continuità da molti anni un’ampia offerta didattica dedicata a scuole, famiglie e associazioni: scopri di più su: Fondazione Ivan Bruschi - Didattica.

 

PERCORSO ESPOSITIVO PERMANENTE
DA PONTORMO A FATTORI. LE STANZE DELL'ARTE. OPERE DALLE COLLEZIONI INTESA SANPAOLO

Dal 29 giugno 2023 importanti opere provenienti dalle Collezioni Intesa Sanpaolo arricchiscono in via permanente le "stanze dell'arte" della Casa Museo dell'Antiquariato Ivan Bruschi.

Questo nuovo percorso espositivo permanente presenta opere dei maggiori artisti tra Cinquecento e Ottocento, in un rinnovato allestimento ragionato ed organico che si inserisce in perfetta armonia e valorizza l'eclettica collezione del noto antiquario.

Il primo piano del trecentesco Palazzo del Capitano del Popolo presenterà una selezione di opere dei maestri del Cinquecento: l'Annunciazione di Alessandro Allori detto Il Bronzino, Leda con Castore e Clitemnestra di Giuliano Bugiardini e il Ritratto del Cardinal Giulio de' Medici di Pontormo. Il secondo piano, invece, ospiterà un cospicuo nucleo di dipinti dell'Ottocento, con opere di Giovanni Fattori, Silvestro Lega, Telemaco Signorini, Armando Spadini, insieme ai già presenti ritratti eseguiti da Pietro Benvenuti.